Consigli per l'affitto

I pro dell’affitto a medio e lungo termine

Il boom degli affitti in Italia è innegabile. Se sei proprietario di un immobile, questo è il momento giusto per seguire il business e approfittare dell’andamento immobiliare in crescita per ristrutturare – se necessario – e mettere a reddito la tua casa.

Le possibilità sono diverse, dall’affitto a breve termine, praticato attraverso diverse piattaforme online, a quello a medio e lungo termine. Quali sono le alternative e i relativi vantaggi? Lo scopriremo insieme in questo articolo, cosicchè tu possa scegliere più facilmente la soluzione migliore per le tue esigenze.

I vantaggi di affittare per periodi più lunghi

Investire nel mattone è un ottimo metodo per non lasciare chiusa e sfitta la tua vecchia casa di famiglia o il bilocale dove vivevi prima di trasferirti nel nuovo appartamento. Questi spazi possono rappresentare un’occasione da non perdere per chi è alla ricerca di una casa in affitto.

Siamo tutti a conoscenza del proliferare del concept dell’affitto a breve termine, oltre a Airbnb. Non dimentichiamo che l’idea di optare per il modello dell’affitto a medio o lungo termine può fare al caso tuo.

Ricorrere a una soluzione a medio e lungo termine porta con sé dei vantaggi, che ti riassumiamo di seguito.

Stipulare un contratto di affitto, seppure sia un iter che parecchi hanno seguito almeno una volta nella vita, è comunque un’operazione a cui procedere con le dovute cautele. Se scegli di affittare il tuo appartamento a un ospite che presumibilmente vi rimarrà per più di una sola settimana – come nella locazione a breve termine – ma, al contrario, per mesi, puoi esser certo che le l’appuntamento dal notaio non sarà tanto frequente.

Avere un host più o meno stabile ti permette di avere una sicurezza in più: percepire ogni mese un reddito fisso che, al netto delle tasse, va ad aumentare il tuo gruzzoletto personale. Anche nel caso in cui tu appartenga alla categoria dei neo-proprietari, che hanno deciso da poco di investire nel settore immobiliare e acquistare e/o affittare casa, trovando un inquilino a medio/lungo termine puoi tirare un sospiro di sollievo. Se stai attraversando un periodo in cui prevedi parecchie uscite in termini economici, la certezza del canone mensile dell’affitto ti aiuta a fronteggiare le varie spese.

Poi non va sottovalutato un altro aspetto: il dispendio di tempo. La gestione di un affitto a breve termine ti costringe a un impegno maggiore rispetto a quello che invece richiede la locazione a medio e lungo termine. Dopo la consegna delle chiavi e una volta stipulato il contratto, salvo problemi, non dovrai investire troppo tempo nella gestione ordinaria dell’immobile che hai affittato.

Inoltre, se opti per l’affitto a medio termine, la legge prevede la possibilità del canone concordato. Esso dà diritto a una serie di agevolazioni fiscali in capo al proprietario dell’immobile; al tempo stesso anche l’inquilino può beneficiare di alcuni vantaggi. La scelta di questa opzione, al posto del canone libero, è concessa a coloro che stipulano un contratto di natura transitoria, da 6 mesi a 3 anni (+2 anni per eventuale rinnovo). Infatti, risulta particolarmente vantaggioso quando si tratta di affitti per studenti universitari.

A questo punto valuta tu qual è la scelta migliore in base ai tuoi ritmi quotidiani. E se intanto, nelle more della tua decisione finale, vuoi personalizzare il tuo appartamento in attesa dell’arrivo dell’inquilino perfetto, segui i nostri consigli per arredarlo al meglio!

Aggiungi un commento

Clicca qui per lasciare un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *