menu
Notizie

In Italia i rendimenti del mattone al top: +5,9%

Laura Paglia

In Italia la situazione immobiliare cambia sempre più. In positivo. Il motivo principale è dato dal tasso di rendimento che – a sorpresa di tutti – raddoppia! L’analisi condotta da Idealista pone in relazione i prezzi di vendita e di affitto. In questo modo è possibile calcolare il rendimento lordo. Ci riferiamo al guadagno che deriva dall’acquistare un immobile, di qualsiasi tipologia (dalle abitazioni ai negozi agli uffici), per poi affittarlo.

Il motivo è la domanda altissima di case in affitto. Si stima che il rendimento degli appartamenti affittati in tutta Italia è pari al 5,9%. Si tratta della percentuale più alta stimata negli ultimi quattro anni, a partire dal 2014.

Prendiamo come punto di riferimento Milano, Roma, Torino e Napoli nelle zone semicentrali. Qual è il rendimento lordo delle abitazioni?

Rendimenti degli affitti: la mappa delle città

In particolare, se vogliamo focalizzarci sulle maggiori città italiane, troviamo Milano in testa col 6,2%, seguita da Roma col 5,1%. Anche Torino raggiunge ottimi risultati, avvicinandosi a Milano. Napoli si colloca nella top five delle città con i rendimenti del mattone più elevati: parliamo del 4,2%.

Gli esperti sono d’accordo nel considerarli valore record. L’impennata è partita lo scorso 2017, anno in cui è aumentata l’ondata turistica nelle città italiane. Inoltre, rispetto agli anni precedenti, assistiamo a un’inversione di tendenza negli affitti: gli inquilini non sono solo studenti italiani fuorisede e famiglia, ma entrano a far parte della categoria anche gli stranieri che affittano per periodi medio lunghi.

Le città che hanno registrato il maggior incremento sono, oltre a Milano e Roma, Firenze, Napoli, Verona e Palermo.

In generale, tutti i settori del comparto mostrano segnali positivi. Oltre al residenziale, anche i rendimenti di locali commerciali e uffici sono notevoli. In particolare, l’affitto di immobili per adibirli ad attività commerciali garantisce rendimenti pari al 12,9% a Milano, del 10,7% nella Capitale e del 9,3% nel capoluogo campano. Mentre, per quanto riguarda gli uffici, le percentuali sono del 6,9% a Milano e del 5,9% a Roma.

Mattone batte Btp. Sì ai mutui

La crescita del residenziale degli ultimi 12 mesi ha superato di almeno due volte e mezzo i rendimenti dei titoli di Stato a 10 anni.

Qual è la conseguenza? Acquistare per affittare conviene! Gli investimenti nel mattone sono sempre più. A conferma della tendenza, in base ai dati il 17,8% di coloro che acquista un immobile, sceglie di affittarlo.

Tanti italiani hanno intercettato questa tendenza del mercato immobiliare e sono tantissimi coloro che hanno deciso di investire nel settore. D’altronde finora i dati sembrano confermare la loro scelta, che è stata parzialmente agevolata dai tassi dei mutui, scesi negli ultimi anni. In genere, la concessione dei prestiti da parte delle banche è diventata più veloce, sebbene la selezione sia sempre abbastanza rigida. Possiamo notare una tendenza delle banche nel concedere mutui a tasso fisso. I vantaggi sono per ambo le parti: sia per i clienti che riescono a farvi fronte (a differenza del mutuo a tasso variabile, spesso soggetti a un aumento della rata), sia per gli istituti bancari che corrono meno rischi di insoluto.

Tutto sembra suggerire che si tratti del momento migliore per acquistare, ristrutturare e affittare il tuo immobile. L’andamento del mercato immobiliare è a favore delle operazioni di acquisto e affitto. Se, una volta che il tuo appartamento è pronto ad accogliere inquilini alla ricerca, vuoi una mano per affittarlo, contattaci. Se vuoi seguire il mercato italiano ed essere sempre aggiornato sulle occasioni, iscriviti alla newsletter di Uniplaces.

Thanks for reading this post

Reset Filters